Feed the destruction

Another pieces of contemporary shredded things...Branco di spacciati ululanti
Abbandonati al mondo ansimanti
Dove volete andare?
Non avete da mangiare
Non avete da sognare
Che il vostro amore sia incendescente
Se il desiderio è Cristo che mente
Per poi precipitare, per trovare un senso,
Per giurare il falso
Addio, addio
Siamo troppo lontani
(come un giorno qualunque)
Addio, addio
Siamo troppo lontani
(come il tempo che scorre)
Addio, addio
Non esiste il domani
Addio, addio
Feed the destruction
Feed the destruction
Feed the destruction
Feed the destruction
Francesco non badava alle carte
Studiava col sestante le stelle
Non sapeva dove andare
Non aveva niente da dimenticare
Venditori degli abissi del sabato sera
Caino respira
Non sapeva dove andare
Per trovare un senso, per stupire il branco
Addio, addio
Siete troppo lontani
(come un giorno qualunque)
Addio, addio
Siete troppo lontani
(come il tempo che scorre)
Addio, addio
Non esiste il domani
Addio, addio
Feed the destruction
Feed the destruction
Feed the destruction
Feed the destruction
_ Paolo Benvegnù (Feed the destruction) _

Image info:
“Feed the destruction”
Italy, July 2014
© Massimo S. Volonté

Advertisements

4 thoughts on “Feed the destruction

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: